La tragedia del M/P Pinguino

Il comandante Alberto Mimì Palestini e i suoi 12 uomini salparono dal porto di Formia, nel sud del Lazio, il 19 gennaio del 1966.


Un mese esatto dalla sua partenza dal Mediterraneo, il motopesca Pinguino trovò la sua tragica sorte nella notte tra Sabato 19 e Domenica 20 febbraio 1966, nelle secche di Capo Bianco, estremo sud della Mauritania.

Il punto esatto fu tracciato sulle carte nautiche a 20 gradi e quaranta minuti di latitudine nord e 17 gradi e sette minuti di longitudine ovest, sei miglia al largo della costa della Mauritania.

Quella notte il motopeschereccio scomparve improvvisamente, sparì dai radar e la radio di bordo restò disattivata.

L’allarme fu lanciato solo la mattina successiva dall’equipaggio del postale navale della Mauritania, un traghetto che collegava le coste africane alle Canarie.

Alle 5 e 30 fu avvistata la prua che sporgeva completamente dalla superficie del mare.

Il comandante Alberto Palestini non ce la fece a lanciare l’ S.O.S.

È immaginabile che tutti i marinai furono colti di sorpresa, molti di loro nel sonno.

L’ultimo contatto radio risaliva alle 22 di sabato 19 febbraio fra il comandante del Pinguino e il comandante dell’Erminio Borio, Filippo Palestini.

La prima imbarcazione ad accorrere sul luogo del naufragio e ad assistere ad una scena inquietante è proprio il Rodi, un altro peschereccio che solo quattro anni dopo, il 23 dicembre del 1970, fu il teatro di un’altra tragedia della marineria sambenedettese.

Ecco la testimonianza del suo capitano di allora, Giacomo Capriotti «Appresi del naufragio dalla radio di bordo, la notizia era stata diffusa da Leandro Re comandante del “Kodiak”. In quei giorni c’erano sempre delle burrasche, tirava un vento fortissimo e c’era molto mare, onde altissime che mi impedivano di vedere addirittura le altre barche che erano vicine alla mia. Quando vidi la prua il “Pinguino” era ormai affondato, presi subito le coordinate della localizzazione dello scafo e le segnalai via radio. Il comandante Palestini era un marinaio molto esperto e non amava il rischio, una persona eccezionale che riscuoteva molta fiducia e rispetto, lui non avrebbe mai messo in pericolo la vita dei suoi uomini».

La precisazione non è casuale. Come vedremo, la versione ufficiale sulla fine del Pinguino fu quella dell’affondamento come conseguenza di un violento scoppio a bordo, provocato da un guasto alle macchine.

Una versione a cui seguirono congetture e sospetti circa traffici illeciti di armi ed esplosivi da parte dell’ equipaggio.

Sospetti mai provati e mai avvalorati dalla marineria che conosceva bene l’alto spessore morale del comandante Alberto Palestini e del suo equipaggio.

I soccorsi sul punto del naufragio, coordinati sul momento dalla marina militare della Mauritania e del Marocco, non furono tempestivi e forse ciò ebbe un ruolo nel condannare alla morte in mare i superstiti.

La prua del Pinguino restò per oltre un giorno in superficie prima di inabissarsi completamente nella foschia più totale.

Oltre al Rodi, c’erano anche “Erminio Borio”, Luna, Mistral, Maria Matilde, Amoruso I, e “Andrea e Luca Speat”. Giunti sul luogo del naufragio, le forti correnti ostacolarono le operazioni delle scialuppe calate in acqua, perché nel frattempo venne trovato anche un sommozzatore che fu portato sul luogo. L’esito delle ricerche non fu buono.

Solo quattro corpi vennero recuperati: Tommaso Bruni, Vittorio Scartozzi e il comandante Alberto Palestini, un quarto uomo non fu mai identificato.


L’ equipaggio era così composto:

Nati a San Benedetto del Tronto

  • ALBERTO PALESTINI comandante di 50 anni
  • ELIO VOLTATTORNI primo ufficiale di 56 anni
  • DOMENICO ROMANI direttore di macchina di 51
  • ANTONIO POMPEI motorista di 45 anni
  • RUGGERO SPINA nostromo di 28 anni
  • VITTORIO FIDANZA marinaio di 25 anni
  • DINO BRUNI marinaio di 26 anni
  • TOMMASO BRUNI marinaio di 24 anni

Nati a Lampedusa

  • FELICE TARANTO marinaio di 29 anni
  • AGOSTINO GRECO marinaio di 29 anni
  • GIUSEPPE GRECO marinaio di 56 anni
  • VITTORIO SCARTOZZI cuoco di 47 anni nato a Grottammare
  • GIUSEPPE MONTI marinaio di 31 anni nato a Lacco Ameno

Chi siamo

L’Associazione Pescatori Sambenedettesi è una ONLUS che si propone di tutelare, promuovere e valorizzare il ruolo storico, ambientale e sociale, produttivo e professionale, turistico e gastronomico, dei pescatori, dei marittimi e degli operatori dell’indotto industriale e commerciale, rendendoli partecipi e protagonisti del processo di sviluppo territoriale del Piceno e dell’economia ittica nel suo complesso.

In particolare, l’Associazione orienta la propria attività al fine di :

  1. perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale. A tal fine, promuove, attività di educazione e di socializzazione dei soci e dei terzi, ispirandosi alla Carta dei Valori Auser.
  2. impegnarsi a sostenere le attività di volontariato secondo le modalità stabilite in apposite disposizioni esecutive interne, in una logica di solidarietà interna tra tutte le associazioni Auser, di sostegno rispetto alle più deboli dal lato delle risorse.
  3. impegnarsi a operare per la pace nella giustizia, a sostegno della legalità internazionale e per il rafforzamento della rappresentatività e autorità dell’Onu e, congiuntamente, per l’avvio di un nuovo modello di sviluppo sociale ed economico globalmente sostenibile ed estensibile.
  4. svolgere, sulla base di progetti propri o concordati con altri, come definito al successivo articolo 3, e in un rapporto sinergico con i servizi pubblici, attività a favore delle persone e delle loro reti di relazione, senza discriminazioni di età, genere, cultura, religione, cittadinanza; ne promuove e sostiene, anche sul piano formativo, l’autorganizzazione e il mutuo aiuto. Favorisce i processi di formazione sociale di una domanda competente sia di servizi che di beni e di costruzione di reti comunitarie. Promuove la solidarietà e sociale e sostiene il volontariato, la educazione civica permanente, il comunitarismo solidale e aperto come fondamento di una cittadinanza attiva e responsabile.
  5. svolgere attività nei settori dell’assistenza socio-sanitaria, della tutela dei disabili e dei migranti, della beneficenza, dell’istruzione, della formazione, della promozione pratica dello sport dilettantistico, della tutela e valorizzazione del patrimonio artistico e storico (DLGS. 29/10/’99, n. 490), ivi comprese le biblioteche e i beni di cui al DPR 1409/63, della tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente, anche nell’ambito delle attività di protezione civile, della promozione della cultura e dell’arte, del turismo sociale, della tutela dei diritti civili, della cooperazione e della solidarietà internazionale.
  6. proporre il compito specifico di orientare e valorizzare le disponibilità e le competenze delle persone anziane come una opportunità e una risorsa per la società, per un suo rinnovato rapporto con le istituzioni, per la tutela, la diffusione, lo sviluppo dei diritti, per lo sviluppo di nuove comunità locali solidali e aperte.
  7. L’Auser si propone in questo quadro di promuovere e favorire le relazioni intergenerazionali.
  8. diffondere la cultura della legalità e pertanto persegue finalità di lotta alla mafia e ad ogni altra forma di criminalità.
    A tali fini l ‘ Associazione potrà:

    1. promuovere, anche in collaborazione con altre associazioni o agli Enti pubblici e privati nazionali ed esteri, la ricerca, la conoscenza, il recupero, la catalogazione e la conservazione di documenti, filmati audio visivi, libri e manufatti attestanti la storia della marineria picena e delle attività ad essa collegate e più in generale della storia socio-economica di San Benedetto del Tronto e del comprensorio esteso sia nei limiti del suo compartimento Marittimo che seguendo i flussi migratori della sua marineria in Italia ed all’ estero e valorizzarne il patrimonio culturale, storico, industriale, artigianale, tradizionale, turistico ed enogastronomico;
    2. promuovere la difesa dell’ ambiente marino e della sostenibilità della risorsa in collaborazione con Enti pubblici e privati , associazioni naturalistiche e culturali per la tutela dell’ ecosistema marino quale fonte di vita, di lavoro e origine della propria storia e cultura.
    3. mettere le conoscenze e le capacità dei soci al servizio della cooperazione e della solidarietà internazionale anche presentando ed attuando progetti per le comunità di persone svantaggiate e a collettività estere per aiuti umanitari e di cooperazione allo sviluppo socio-economico legate alla pesca;
    4. promuovere studi, programmare iniziative, borse di studio e manifestazioni di carattere culturale, sociale, e formativo per avvicinare le nuove generazioni al lavoro in mare;
    5. promuovere scambi culturali internazionali comprendendo in esse gemellaggi con marinerie italiane ed estere;
    6. promuovere e organizzare nel settore del turismo, escursioni, viaggi e soggiorni in località italiane ed estere attinenti lo scopo sociale;
    7. istituire premi per soggetti che si sono distinti con opere meritorie nella ricerca ed nella cultura legate al mare;
    8. promuovere e gestire per conto proprio, di terzi o in concorso con terzi, attività attinenti o utili allo scopo sociale e culturale da attuarsi direttamente o indirettamente quali, ad esempio, organizzazioni di conventions, congressi, meetings, manifestazioni culturali ed enogastronomiche e presentazioni di prodotti editoriali, mostre, attività musicali, teatrali, televisive, cinematografiche, presentazione di progetti di ricerca in proprio o in collaborazione, e in ogni modo, opere dell’ingegno.
    9. svolgere attività editoriale mediante pubblicazioni periodiche e non. Tale attività potrà essere esercitata, sia direttamente sia indirettamente, e può realizzare editoria audio, audiovisiva e/o su rete informatica, o con qualsiasi altro mezzo idoneo alla finalità;

L’ Associazione ha sede legale in sede in San Benedetto del Tronto, Piazzale Caduti del Mare n. 6

Consiglio direttivo dell’ Associazione Pescatori Sambenedettesi

Pasquale Pignati, Presidente

Consiglieri:

  • Agostino Del Giovane VicePresidente
  • Esisio De Palma
  • Fernando Paci
  • Leonardo Paglia
  • Giacomo Perotti
  • Nicola Maccaferro
  • Giovanni Romani
  • Sergio Sgattoni
  • Nazzareno Torquati